QuestBase: la web app italiana per creare questionari, test ed esami. Videorecensione ed intervista esclusiva

Oggi voglio parlarvi di un sito tutto italiano che promette di fare grandi cose per noi insegnanti: si tratta di QuestBase.com. Questa web app permette di creare questionari, test, quiz, esami oppure ottenere risposte da sondaggi o indagini.  Inoltre, i risultati sono subito disponibili per ogni studente che ha svolto i test.
Per parlarci di QuestBase abbiamo intervistato il suo ideatore nonché coordinatore del progetto: Paolo Mugnaini. In chiusura di articolo troverete anche una video recensione che vi mostrerà alcune delle principali funzioni di questa ottima applicazione web.

– Come vi è venuta l’idea per questbase.com?

Quando stavo studiando ingegneria informatica all’università avevo iniziato a sviluppare un software che poi si è molto diffuso nelle scuole italiane; il suo nome era WinAsks. Dopo WinAsks sono seguiti altri prodotti (WebQuiz, WebQuiz SQL, eWebTest) e, infine, ho deciso di spostarmi completamente nel mondo web 2.0. Negli ultimi anni le scuole hanno sempre avuto problemi con i propri budget, quindi ho deciso di rendere il nuovo prodotto completamente gratuito per loro, affinché i docenti potessero utilizzare un servizio di qualità a costo zero. Inoltre, la crescente diffusione dei tablet richiedeva una completa riprogettazione e riorganizzazione di tutto il lavoro fatto fino a quel momento. Con queste premesse, quindi, è nato QuestBase. Il cambio di nome (da WinAsks a QuestBase) è stato necessario poiché QuestBase non si sarebbe più rivolto solo al mondo Windows, ma avrebbe abbracciato tutti i sistemi operativi e i tablet. A prima vista QuestBase può sembrare un prodotto semplice, ma in realtà ha richiesto oltre tre anni di sviluppo, ed è un continuo “work in progress”.

– Cosa offrite a chi lavora nel mondo della scuola?

Non siamo una società multi servizi che, tra le varie attività, offre più prodotti per la Scuola. Noi offriamo un unico prodotto che permette di gestire nel migliore dei modi una necessità: la verifica dell’apprendimento e la valutazione degli studenti. Offriamo ai docenti la possibilità di risparmiare tempo ed automatizzare quelle fasi laboriose come la redazione di test e, soprattutto, la loro correzione. E’ ovvio che uno strumento come QuestBase non potrà mai sostituire il lavoro del docente, ma può sicuramente essere utile come affiancamento, anche per prove di verifica formative, durante tutto l’anno scolastico. Ottimizzando questa fase di lavoro, infatti, i docenti possono dedicare più tempo all’insegnamento vero e proprio.

– Quale pensate sia la vostra carta vincente, rispetto ad altri servizi simili?

Siamo molto pignoli. Tutto il lavoro viene scrupolosamente progettato, sviluppato e – soprattutto – testato. Un esempio su tutti è la compatibilità con browser differenti e tablet: noto che parecchi produttori di applicazioni web garantiscono la piena compatibilità dei propri prodotti. In realtà, ad un esame più approfondito, c’è sempre qualcosa che non va; questo è indice di una carenza nella fase di controllo e test. Con QuestBase, invece, effettuiamo centinaia di test e verifiche: tutto deve essere perfetto, perfino nel minimo dettaglio. Ultimo ma non ultimo, QuestBase è un prodotto italiano, disponibile in Italiano e supportato da un team italiano: siamo molto attenti ai suggerimenti che i vari utilizzatori ci segnalano.
Infine, siamo una delle pochissime realtà (in Italia credo l’unica) che può vantarsi di avere ben 16 anni di esperienza nella realizzazione di applicazioni didattiche per la creazione di questionari ed esami: la prima versione di WinAsks, infatti, risale al 1997. Qui in Italia esistono alcune applicazioni simili a QuestBase, ma nessuna può vantare lo stesso grado di completezza, facilità d’uso e cura (anzi, passione) nella realizzazione.

– Questbase offre già molte tipologie di test e questionari. In futuro aggiungerete nuove tipologie di domande o nuove funzioni?

Certamente, come ho detto prima QuestBase è un continuo “work in progress”. Non ci fermiamo mai. Ogni mese rilasciamo nuove versioni, con nuove caratteristiche e nuove funzionalità. Vogliamo che i docenti possano ottenere il massimo da questa applicazione, risparmiando tempo nella valutazione degli studenti, con la massima semplicità.

– Il vostro sito permette di pensare anche ad una scuola “paperless”, giusto? Offrirete soluzioni anche per interi istituti?

QuestBase è già disponibile per interi istituti; in realtà abbiamo ideato anche alcune soluzioni specifiche per aziende, che sicuramente hanno esigenze differenti rispetto ad una Scuola. Siamo a favore del “paperless”, sia per una questione di risparmio economico, ma anche per un risparmio in termini di tempo: le informazioni sono sempre lì, immediatamente e quando servono. In ogni caso, QuestBase non abbandona i docenti che vogliono utilizzare (o sono obbligati) questionari cartacei: offriamo infatti complete funzionalità per la stampa cartacea dei test, anche automaticamente in più versioni differenti (cosa che non può essere ottenuta facilmente con, ad esempio, Word).

– Pensate di implementare anche applicazioni mobile per smartphone e tablet?

Sì, QuestBase è già compatibile con il mondo mobile, quindi smartphone ma soprattutto tablet (iPad ed Android). Questa compatibilità è una delle nostre priorità: non si può pensare di realizzare un’applicazione del genere senza tenere in grande considerazione il mondo mobile. Ad esempio, immaginate un docente che realizzi delle verifiche di ripasso per gli studenti e le assegni come compiti a casa; gli studenti, da casa e con il proprio tablet, le svolgono e il docente può monitorare in tempo reale l’andamento del proprio insegnamento. Ecco, questo è già possibile con QuestBase.

– La scuola si sta aprendo sempre di più alle nuove tecnologie, al mondo del web, etc. Ci sono altri siti / app che vi sentite di consigliare?

Io credo che la condivisione della conoscenza rappresenti un punto fondamentale nella formazione: ecco perché mi sento di consigliare quei siti che permettono di raggruppare comunità di docenti per scambio di opinioni, suggerimenti, richieste di aiuto e soluzioni.

Ringrazio Paolo per la sua disponibilità e vi lascio con la video recensione di QuestBase.com firmata Prof Digitale.
Buona visione!